logo

RIMANDATO A DATA DA DEFINIRSI si recita a soggetto con Jonathan Lazzini in “Schifo” dal monologo teatrale di Robert Schneider

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 05/03/2020
19:15 - 20:00

No Categorie


giovedì 5 marzo h 19.15Bouquet-50-rose-rosse

si recita a soggetto

con Jonathan Lazzini 

in “Schifo”

dal monologo teatrale di Robert Schneider

SU PRENOTAZIONE con APERITIVO prima, a partire dalle 18.00 e dopo a partire dalle 20.00 Scrivere a: libreriadelmondooffeso@gmail.com o telefonare allo 02 36 52 07 97.

 «Mi chiamo Sad. Ho trent’anni. In inglese sad significa triste. Io non sono triste.»

 Sad è uno studente iracheno, fuggito dal suo paese per evitare di andare sotto le armi durante la prima guerra del Golfo. Rifugiatosi in una città della Germania, per sopravvivere vende rose.

È uno straniero, per di più clandestino, e racconta, seduto sulla sedia che è la sua casa, il suo essere diverso in una realtà che non lo accetta. Con sarcasmo dolente accetta di essere considerato schifoso, dà ragione a chi – per razzismo – lo rifiuta. Finisce per giustificare chi lo emargina, condannandolo ad una fine tragica, pur di essere accettato.

Schifo (ted.: Dreck) è un monologo teatrale del 1993 dello scrittore e drammaturgo austriaco Robert Schneider.

La prima rappresentazione assoluta fu al Thalia Theater di Amburgo il 10 gennaio 1993.[1][2] In Italia è stato portato in scena, col titolo Dreck – Schifo dall’attore Graziano Piazza con la regia di Cesare Lievi. La prima fu al Festival internazionale dell’attore di Parma nel 1997.

Jonathan Lazzini, nasce nel 1994 a Sarzana e vive a Milano, dove dall’ottobre del 2017 frequenta la scuola per attori Luca Ronconi presso il Piccolo Teatro.

Dedica gran parte del suo tempo alla scrittura, ha vinto il primo premio del concorso nazionale di poesia Premio Bukowski nel 2015 e ha già pubblicato Rutti a pancia vuota (2016) e E i cani fanno finta di niente (2017).